SeoPQR raduno SEO a Roma il 6 giugno

Archiviato in Pensieri di un Seo il 14-Mag-2009 da Fabio Dell'Orto | Tag: | 5 commenti

Un raduno SEO nella capitale non poteva avere un nome diverso da questo: SeoPQR, si svolgerà il 6 giugno.

L’evento, in linea con la tendenza che vuole SEO e enogastronomia andare a “braccetto”, si svolgerà al Ristorante la Pampa e sarà a base di piatti della cucina romana e di interessanti discussioni tra i web marketing specialist che prenderanno parte al raduno.

Io non ci sarò, rubo regolarmente troppo tempo alla mia famiglia e dunque dovrò rinunciare, seppur a malincuore.

Tags:


Ottimizzare Per Contenuto

Archiviato in Web marketing il 04-Mar-2009 da Fabio Dell'Orto | Tag: | 9 commenti

Ottimizzare per contenuto, sembra, anzi è ! Una frase ancora sconosciuta per la maggior parte degli Internet Marketing Specialist italiani.
E’ sufficiente fare una vasca su Google per rendersene conto, facendo query che hanno come fulcro dominante della ricerca le solite parole che conosciamo tutti: keyword advertising, pubblicità pay per click… ci sono decine di posts di blog più o meno autorevoli e annunci Adwords, ricercando invece: ottimizzare per contenuto c’è il deserto.

Spontaneamente mi vien da pensare che ancora in pochi hanno capito, che Google attraverso questo sistema è in grado di offrire la più grande concessionaria pubblicitaria del globo !

In verità ragionando come uomo d’azienda questa cosa mi preoccupa, ogni giorno ricevo almeno 2 o 3 email di agenzie Google Certified e almeno una telefonata dal call center di agenzie dello stesso rango, tuttavia nessuno di loro mi ha mai proposto di fare una campagna di questo genere, ne ha mai scritto dei suggerimenti sul blog di turno.

Ieri sera un “collega”, virgoletto perchè io non sono ne mi considero un professionista di Internet Marketing ma un semplice appassionato, mi ha risposto che questo sistema funziona dignitosamente quasi ed esclusivamente per il B2B; ne siamo davvero sicuri ? E perchè mai non dovrebbe essere performante per il consumer ?

Amico mio, se una campagna di targeting posizionamento viene fatta, come a volte/spesso succede, alla garibaldina i risultati saranno scarsi, se invece verrà pianificata e realizzata con giudizio, potreste avere delle piacevoli sorprese.

Continua”Ottimizzare Per Contenuto”


Come spingere il posizionamento con nastro isolante e scatole per imballi

Archiviato in Motori Di Ricerca il 25-Feb-2009 da Fabio Dell'Orto | Tag: | 16 commenti

Mentre molte Web agency, ti stressano inviandoti flotte di email per offrirti di posizionare il sito della tua azienda attraverso l’ottimizzazione del codice HTML, oppure con tanti altri sistemi, alcuni dei quali per altro ineccepibili, io ti suggerirò come migliorare il ranking su Google del tuo sito con il nastro isolante e i cartoni degli imballi.

Qualche anno fa, partecipai ha un corso di posizionamento sui motori di ricerca, ideato dal buon Francesco De Francesco, amministratore e docente di YoYo Formazione Rotolante.

Fino allora, la mia formazione SEO, era sempre stata orientata prevalentemente verso “pratiche” di reverse engineering e tecniche di posizionamento on site.
Conoscevo anche l’altra scuola di pensiero, ovvero gli specialisti SEO orientati ai contenuti e al marketing, dei quali Francesco è uno tra i più autorevoli esponenti, tuttavia non avevo mai fatto seriamente attività di questo genere.

Ai tempi, parlo di circa due anni fa, c’erano ancora pochi specialisti seriamente convinti, che il posizionamento su Google si può fare anche Off Line e con altre tecniche che esulano dall’obiettivo di questo post.

Continua”Come spingere il posizionamento con nastro isolante e scatole per imballi”


Internet ? Buona parte dei miei conoscenti la pensano così !

Archiviato in Pensieri di un Seo il 18-Feb-2009 da Fabio Dell'Orto | Tag: | 4 commenti

Il post dedicato all’attività on line di GBianchi, ha scatenato una inarrestabile curiosità nel cerchio delle mie amicizie, e soprattutto fra i clienti e i fornitori dell’azienda… tutti a domandarsi, e se ci provassimo pure noi a vendere su Internet ?

Chiacchierando con loro, emerge un quadro desolante, relativamente alla cultura e alla conoscenze di Internet Marketing da parte di alcune PMI alimentari, vi scrivo cosa ho capito da questa esperienza.

Buona parte delle aziende, crede di poter fare business on line, senza rivoluzionare l’intero sistema di gestione, la “sigla” CRM è quasi del tutto sconosciuta, il customer database ce l’abbiamo già mi ha detto un giovane imprenditore altoatesino, l’ho comprato da IBM la scorsa estate; porca trota che imbecille sono, gli ho risposto, sono vent’anni che lavoro con loro e non lo sapevo !

La visibilità sui motori di ricerca è una cosa che si compra, che in parte non è del tutto sbagliato come ragionamento; il principale obiettivo in un progetto Internet dovrebbe essere acquisire clienti, nessuno di loro però si preoccupa di come fare per fidelizzarli ( mi sono chiesto, faranno così anche off line ? ); dunque un progetto Internet non ha mission !

Il sito ovviamente dovrebbe costare poco, le attività di Web Analytics non sono necessarie tanto ci sono i contatori delle visite free ( spiegatemi voi cosa hanno in comune le due cose, perchè io non riesco ancora a trovarne ).

Si possono spendere anche 10 20 30 40 50 60 70 80 90 100.. mila Euro l’anno per la comunicazione pubblicitaria, biglietti, volantini o quant’altro; non si possono spendere 2.000 Euro per una campagna di Lead Generation su Internet !

Infine il Server, Register ( con tutto il rispetto per questa importante azienda ) è il partner preferito, con la loro conveniente offerta a 59 Euro l’anno !

Tags:


GBianchi S.p.A. una case history milionaria

Archiviato in Web marketing il 18-Dic-2008 da Fabio Dell'Orto | Tag: | 6 commenti

Fare Web Marketing attraverso i motori di ricerca quando si conoscono “benino” le regole e le opportunità offerte dai motori, e “molto bene” l’organizzazione dell’azienda oggetto delle attività di promozione può rivelarsi un vero affare.

Oggi vi racconto la storia della Giuseppe Bianchi S.p.A, l’azienda dove lavoro come edp manager da tantissimi anni e grazie alla quale “tanti anni fa” mi sono appassionato alla SEO.

La GBianchi è stata la prima azienda a presentarsi sotto forma di Cash & Carry in Italia, e un patrimonio storico da far invidia alle più prolifiche realtà aziendali contemporanee. E pensare che tutto è nato nel 1908 da una modesta drogheria nel centro di Varese. Giuseppe Bianchi che ne è stato il suo fondatore è colui che creò alcuni marchi storici dell’industria alimentare italiana come per esempio la Montana, ceduta dalla famiglia Bianchi al gruppo Cremonini all’inizio degli anni novanta.

L’attività on line di GBianchi invece iniziò da una mia iniziativa personale nel 2002, a distanza di sei anni il nostro sito web, sebbene sarebbe più giusto scrivere i “nostri minisiti”, è in continua evoluzione ed è diventato una preziosa fonte di raccolta di contatti, che riceviamo ogni giorno da nuovi clienti sparsi in tutta Europa e in parte nel resto del mondo.

Fino a un paio d’anni fa la nostra attività di Web Marketing verteva esclusivamente sul posizionamento organico in lingua italiana. In seguito alla luce dell’esperienza maturata, ho ritenuto più opportuno adottare un sistema di posizionamento misto. Ho continuato a curare il posizionamento organico per le frasi strategiche che ritengo più performanti per il nostro business sui motori di ricerca in lingua italiana:

  • alimentari;
  • ingrosso alimentari;
  • prodotti alimentari:
  • grossista alimentari;
  • cash & carry.

Per il resto d’Europa e del mondo ho adottato il sistema Pay Per Click, mostrando annunci testuali su Google, banner e video sui portali verticali selezionati tra i suoi partner, e indirizzando i navigatori su delle landing page estremamente curate. Queste ultime sono un fattore che oserei definire determinante per la nostra attività on line; tutte le nostre landing sono verticali; a volte ci sono campagne composte da una sola frase strategica e da una specifica landing page studiata in funzione di essa.

Continua”GBianchi S.p.A. una case history milionaria”


Pagina successiva »